Sangiorgese Basket

Serie B

  • Home
  • /
  • Serie B
  • /
  • Al PalaBertelli arriva la corazzata Pavia

Al PalaBertelli arriva la corazzata Pavia

05 febbraio 2020

Dopo la prova di solidità offerta al Campus di Varese, i Draghi ritornano al Pala Bertelli con entusiasmo e la consapevolezza di essere molto cresciuti nell'ultimo periodo. Ora l'importante sarà non abbassare la guardia continuando a lavorare al meglio per continuare questo percorso con umiltà e dedizione. Domenica i blu arancio dovranno affrontare la corazzata Pavia di coach Baldiraghi e dovranno essere pronti e concentrati per quella che sarà una sfida molto difficile. Nel match di andata i ragazzi di coach Quilici disputarono una discreta prima parte di gara, per poi crollare ed uscirne, soprattutto nell' atteggiamento nella seconda metà, concedendo a Pavia una vittoria facile. L' obiettivo sarà quello di evitare gli errori di allora, entrando in campo concentrati e con il giusto atteggiamento per affrontare un avversario forte e attrezzato in tutti i ruoli, con diversi giocatori fra i top della categoria. Pavia gioca una pallacanestro aggressiva cercando di sfruttare al meglio la  fisicità dei suoi interpreti. In queste ultime settimane ha visto le partenze di Liberati e Gloria e l'arrivo di due nuovi innesti di qualità come Torgano e Sacchettini. Marco Torgano, ala classe 1991, vecchia conoscenza della Sangio, ha nel tiro perimetrale la sua arma migliore ma grazie al suo fisico può attaccare in modo efficace anche il ferro. Michael Sacchettini centro, classe 1995, é un giocatore di energia con grande attitudine difensiva, che sa padroneggiare sotto le plance con una buona dimensione anche in attacco. Il leader indiscusso che già all'andata fu una spina nel fianco nella difesa blu arancio é Venucci, play, classe 1990, é un giocatore di talento e di grandi qualità offensive, capace di concludere in prima persona e di creare per i suoi compagni. Atleta dal grande temperamento e dalla forte personalità é un ottimo realizzatore. Altro giocatore importante in fase di recupero sarà Touré, play, classe 1992, é un giocatore di assoluta duttilità e grazie alla sua fisicità e al suo atletismo può fronteggiare avversari più alti di lui. Forte nell'attaccare il ferro e nel tiro da tre.  Pavia può contare anche su reparto lunghi di tutto rispetto con Spati, Nasello, e sulla classe e la grinta di capitan Benedusi. Match sicuramente difficile ma che i Draghi cercheranno di affrontare con la giusta determinazione. Sentiamo che ne pensa il vice coach Davide Roncari.

- Dopo le tre vittorie consecutive é il momento di abbassare nuovamente la testa e lavorare al meglio per la sfida difficile contro Pavia. Come stanno i ragazzi e come vi state preparando?
"I ragazzi stanno bene, queste tre vittorie di fila in una settimana sicuramente hanno portato una bella dose di fiducia. Ora sappiamo che domenica arriverà una squadra costruita per arrivare nei primi posti, e la voglia di confrontarci con loro non mancherà. Il morale c’è e lavoreremo al meglio per prepararla e potercela giocare a viso aperto."

- Pavia é una delle corazzate del girone con individualità molto forti basti pensare a Venucci. Hanno cambiato qualcosa nel roster con le partenze di Liberati e Gloria e gli arrivi di Torgano e Sacchettini e sicuramente puntano al miglior piazzamento possibile nella griglia play off. Quali saranno i giocatori più pericolosi e come andranno limitati?
"Dovrei citarli tutti e 10. Hanno un roster profondo e molto forte. Settimana scorsa è rientrato per un pezzo di partita anche Tourè, quindi mi aspetto una squadra al completo con noi. Venucci come hai ben detto è il loro terminale principale, ma hanno punti nelle mani con tutti gli effettivi, sia negli esterni con Torgano e Tourè sia nel reparto lunghi dove possono variare assetto e fisicità. Si prospetta una bella partita, hanno alzato molto anche il loro livello difensivo, e in attacco avremo le mani piene."

- Quale dovrà essere il giusto approccio alla partita cercando di evitare soprattutto e gli errori dell'andata? 
" Dovremo essere precisi su tutti i punti a partire dalla palla a due. Dovremo cercare di rompere il più possibile le loro giocate principali, giocando la nostra pallacanestro al nostro ritmo. Nelle ultime partite abbiamo dimostrato anche noi di avere panchina profonda e domenica ci sarà bisogno dell’aiuto di tutti. Sarà una partita tosta e fisica, tutti dovranno essere pronti ad aiutarsi."

M. Lini


Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.